Sartù in bianco, prepariamolo con cura
sartu in bianco

Questa è una di quelle ricette reinventate per smaltire un sugo di arrosto morto a base di cipolle, mi dispiace sempre buttare del cibo quindi appena posso cerco di inventarmi qualcosa per recuperare gli avanzi, ed è proprio così che è nata questa ricetta, oggi parliamo infatti del sartù in bianco, ho pensato a cosa faccio in genere con un sugo di cipolle e mi sono venute in mente queste però volevo provare qualcosa di diverso, un primo che potesse primeggiare nel pranzo della domenica, ed ho pensato a questo. Insomma ho unito le due ricette e ne è uscito fuori qualcosa di deliziosamente particolare.

Sartù in bianco: Ingredienti
250 gr. riso
5 cucchiai sugo di cipolle
pangrattato
burro
100 gr. provola
300 gr. carne macinata maiale
200 gr. di piselli
olio
sale

Sartù in bianco: Esecuzione

Lessare il riso per circa dieci minuti in acqua bollente salata, scolarlo e condirlo con il sugo di cipolle; in una padella con un po’ d’olio cuocere la carne, appena è rosolata salare e terminare la cottura. A parte cuocere i piselli in una padella con un filo d’olio, coperti a fuoco basso, salare; imburrare il fondo di una pirofila versare metà riso condito formare una scatola dai bordi alti, versare la carne, i piselli e la provola a dadini, coprire il ripieno con il rimanente riso. Coprire la superficie con abbondante pane grattugiato, distribuire qualche fiocchetto di burro e cuocere in forno a 200° per 20 minuti circa.

Laureata in Scienze Geologiche, attualmente insegnante di scuola superiore, ho frequentato l’Università di Napoli Federico II e in precedenza il liceo scientifico Arturo Labriola, appassionata di gatti e di culinaria, amo molto leggere: Un buon libro è sempre un meraviglioso compagno.

Potrebbero interessarti

Lasagna al ragu

Eletta come piatto al forno più buono in assoluto questa deliziosa lasagna…

Mezzelune ai carciofi

Eccoci di nuovo qui; quanto tempo è passato dall’ultimo post? Meglio non…

Lasagna di verdure

Ogni volta che preparo questo piatto non posso non pensare alla mia…

Gnocchi all’amatriciana

Un altra ricetta della mitica Anna Moroni, spero che i romani non…