Riccioli alla boscaiola, un’ottima ricetta
riccioli alla boscaiola

Oggi parliamo dei Riccioli alla boscaiola, ma prima di tutto vorrei precisare che per me ormai esiste una sola marca da acquistare tra le tante di pasta che si trovano sugli scaffali delle varie catene di supermercato, ve lo dico spassionatamente, non è pubblicità perché non amo i ricatti del tipo ti regaliamo dei nostri prodotti se tu ne parli nel blog, ma è quella che ho amato fin dal primo momento, la pasta Garofalo. Tiene la cottura una meraviglia e da buon napoletana seguo i tempi di cottura indicati sulla confezione ed ho sempre una pasta bella “tosta” come piace a noi napoletani.

Quando poi tra i vari formati di pasta ho scoperto con curiosità questo formato davvero particolare chiamato riccioli non ho resistito, a dire il vero il marito non ha resistito, ed ecco che come per magia è stato catapultato nel mio cestino della spesa.

Pensando ai sughi che potevano intrufolarsi nelle varie scanalature ho avuto un flash nella mente che mi ha portato indietro nel tempo, quando la domenica a casa di mamma o di zia non poteva non mancare questo sugo denominato “alla boscaiola”, un sugo ricco dal gusto speciale che per me sa di famiglia. Se poi, come nel mio caso, dovesse avanzare un po’ di pasta condita vi consiglio caldamente di utilizzarla per farci questa frittata di maccheroni; vi confesso che io ne ho buttato un po’ di più di pasta proprio per preparare questo piatto…….
Ecco a voi la ricetta della mia mamma:

Riccioli alla boscaiola: Ingredienti per 8/10 persone

500 gr. funghi champignon
800 gr. salsicce
500 gr. piselli surgelati
Cipolla
Olio extra vergine d’oliva
Sale
200 gr. pomodori pelati a pezzettoni
1 bicchiere di vino bianco
2 bicchieri d’acqua

Riccioli alla boscaiola: Esecuzione

Soffriggere la cipolla nell’olio, unire le salsicce sbriciolate e rosolare, sfumare con il vino, una volta evaporato unire i funghi cotti precedentemente in padella con olio e salati, i piselli crudi, i pelati, l’acqua e cuocere per mezz’ora circa o fino a quando si sarà ristretto e sarà affiorato l’olio. Lessare la pasta e condirla con il sugo.

Laureata all’Università degli studi Parthenope di Napoli, precedentemente iscritta all’Istituto Enrico De Nicola, assistente al lavoro e commercialista; i miei hobby sono il decoupage e guardare le serie tv in televisione in particolar modo C.S.I.

Potrebbero interessarti

Anolini in brodo

Il bello del Natale è anche il fatto di sapere che ogni…

Lasagna di melanzane

Amo la Spisni, non so se per la sua territorialità o per…

Lasagna con salsiccia e friarielle

Se qualcuno tempo fa mi avesse detto:”Inventati una ricetta”, gli avrei risposto:”Sei…

Crostata di riso

Ogni tanto traggo spunto dai vari libri che si trovano parcheggiati nella…