Come cucinare qualcosa di veloce

Come cucinare qualcosa di veloce, salutare ma ugualmente gustoso?

Capita sempre più spesso che donne e uomini tornino stanchi dal lavoro, a volte pure un po’ depressi e senza una grande fantasia per cucinare chissà che cosa.

In verità il problema esiste da qualche tempo immemorabile, eppure la nostra società preferisce proprio negli ultimi anni orientarsi verso soluzioni il più possibile rapide ed efficaci. Non a caso fioriscono società, soluzioni e realtà che organizzano pasti da consegnare a casa.

Se questa era una soluzione inizialmente per pochi, adesso, con l’ausilio di motorini, biciclette e quant’altro si riesce ad avere in brevissimo tempo una cena completa presso la nostra abitazione. E, tutto sommato, anche a un prezzo modico. Possiamo telefonare e ordinare le pizze che vogliamo; ma possiamo anche ordinare una vera e propria cena per più persone.

Il nostro smartphone, alla bisogna, possiamo utilizzarlo non solo per fare una chiamata telefonica, ma anche per attivare un’applicazione dedicata che ci consente di ordinare, con tanto di costi esplicitati, quelle cose che più ci piacciono. Sull’applicazione c’è tutto: è come se fossimo direttamente al ristorante, pagamento compreso.

Sono le meraviglie che ci mette a disposizione la tecnologia, se vogliamo passare una serata diversa, magari a guardarci la partita, confidando nella pronta consegna del pasto da poco ordinato. Ma ci sono pure coloro, uomini o donne che siano, ai quali piace comunque darsi un minimo da fare, senza che questo comporti un grande sforzo.

Certo, anche qua la soluzione veloce o velocissima esiste, eccome: si apre il freezer, si scongela qualcosa nel forno a microonde con una certa rapidità, e poi si mette il tutto a cuocere in padella. Carne, pesce, verdure, perfino pasta condita già preparata. I puristi della cucina certamente storcono la bocca ad ascoltare queste eresie, eppure si fa di necessità virtù, come recita l’antico detto. E poi c’è di positivo che, normalmente, i cibi surgelati, anche se non sempre impeccabili in termini di sapore, garantiscono la genuinità del prodotto nel momento che viene surgelato.

Si evita così, nella stragrande maggioranza dei casi, il deterioramento dei cibi stessi. Certo, una volta scongelati, questi cibi devono essere consumati subito o quasi. Oppure ancora, ci sono le soluzioni intermedie veloci. Gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, sono una di queste. Semplicissimi da preparare, se fatti a mestiere, assicurano un primo piatto gustoso e sempre apprezzabilissimo.

Come cucinare qualcosa di veloce

Olio di oliva, spicchio d’aglio e peperoncino in padella a fuoco lento per qualche minuto. Lo spaghetto, rigorosamente al dente, viene calato, dopo essere stato ben scolato, nella padella, e ripassato a fuoco più vivace. Un buon bicchiere di bianco fresco a innaffiare il tutto, e il gioco è fatto! E, se vogliamo insistere sul primo, in alternativa possiamo provare le mezze maniche con ricotta salata grattugiata sopra e appena un paio di gocce di olio extra vergine di oliva a crudo. Una cosa semplicissima e sopraffina, per palati raffinati. Una raccomandazione: le mezze maniche vanno scolate sempre al dente.

Per secondo, un salto al supermercato ad acquistare dei grossi pomodori, possibilmente rossi o tendenti al rosso. Ci meritiamo di farci dare anche una bella mozzarella fresca, possibilmente di bufala. Tagliamo i pomodori a fette e, fra una fetta e l’altra, ci inseriamo una fetta di bianchissima e tenerissima mozzarella. Ogni due o tre fette, se l’abbiamo, anche una fogliolina di basilico dal profumo stuzzicante e piacevole anche a vedersi.

Se possibile il tutto deve essere accompagnato da pane fresco, ma veramente fresco. Con un buon pane fresco e croccante, una cena mediocre diventa discreta, una discreta diventa buona, e una buona diventa eccellente. Siccome l’Italia è anche la patria del buon pane, così differente fra regione e regione ma anche così apprezzabile, se vogliamo cucinare qualcosa di veloce, è un elemento indispensabile: impreziosisce il tutto a dismisura.

Laureata all’Università degli studi Parthenope di Napoli, precedentemente iscritta all’Istituto Enrico De Nicola, assistente al lavoro e commercialista; i miei hobby sono il decoupage e guardare le serie tv in televisione in particolar modo C.S.I.

Potrebbero interessarti

Risotto al prosciutto crudo, come prepararlo

Ricetta ispirata e modificata a mio piacimento da uno dei tanti volumi…

Cous Cous senza cottura

Girovagando in quel paio di forum che frequento assiduamente (e che ritengo…

Pralinè di mandorle e nocciole

Si ritorna alla normalità! Come prima ricetta postata nel 2008 ho pensato…

Cosa cucinare per cena, il dilemma

Cosa cucinare per cena? Un bel dilemma che si può risolvere facilmente…