Cos’è la cucina Flambè?
Cose la cucina Flambe

Se la cucina mediterranea, con i suoi gusti, i suoi sapori e le tecniche di cottura utilizzate è tra le più famose ed amate al mondo, è indubbio che negli ultimi anni gli chef si stanno sbizzarrendo per creare sempre nuovi piatti, con cotture e metodologie sempre diverse.

Per un periodo è andata per la maggiore, ad esempio, la cucina molecolare, ma voi sapete invece cos’è la cucina “Flambè”?

La cucina flambé, anche definita come cucina di sala, è la parte più spettacolare dei piatti elaborati davanti a clienti.

Il termine deriva dal francese flamber che significa infiammare, accendere ed è proprio questo che si fa dinanzi ai clienti: si fa letteralmente prendere “fuoco” al piatto sul tavolo dove il cliente cena o sul bancone al bicchiere dove viene servito il cocktail.

Il flambé nasce con l’esigenza di riscaldare piatti già pronti, ma è sempre più una tecnica scenografica per incantare e mostrare la propria maestria.

Essenzialmente il procedimento consiste nel bagnare la preparazione con alcool, per infiammarlo in modo tale da creare quella fiammata che si esaurirà velocemente o lentamente a seconda dei casi e delle esigenze.

Generalmente si utilizzano il brandy sulla frutta e il whisky e il cognac sui piatti salati, mentre vino birra non sono adatti.

Naturalmente ogni minimo movimento deve essere calibrato, perché tutto avviene direttamente dinanzi al cliente, e si rischia di combinare un vero e proprio disastro.

Potrebbero interessarti

Abbiamo sempre sbagliato a cucinare la pasta, ecco perchè

Abbiamo sempre sbagliato a cucinare la pasta? Il nostro “antico” metodo di…

Kebab, i segreti del celeberrimo piatto arabo

Da decenni ormai la nostra tipica cucina mediterranea è stata contaminata da…

Piccola storia della Ndujia dalle origini ai giorni nostri

La Nduja è una prelibatezza calabrese che si inserisce tra i prodotti…

Milkshake, ecco qual è la differenza col Frappè

Avete la voglia irrefrenabile di bere qualcosa di fresco, ma allo stesso…